Pianista poliedrica e attenta alla contemporaneità, con un particolare interesse per la musica del Novecento, per le esplorazioni armoniche di Ravel e Debussy e per le potenzialità ritmico-percussive del suo strumento.Oggi il suo repertorio attraversa la storia del pianismo, da Bach fino agli albori della musica jazz, tra Gershwin e Piazzolla, con programmi originali che intrecciano e fanno dialogare stili, epoche, compositori.

La sua ricerca artistica mira a scoprire nuovi spunti e approcci interpretativi del repertorio classico pianistico, esplorandolo e arricchendolo di diverse connessioni e contaminazioni, oltre lo strumento, collaborando con artisti eterogenei e di fama internazionale. 

Panel 1

About

Si diploma brillantemente presso il Conservatorio F.E.Dall’Abaco della città sotto la guida del M°Ida Tizzani e vince il primo premio “Accademia Filarmonica” come migliore diplomata dell’anno. Dopo aver seguito le Masterclass di Alto perfezionamento con il M°Peter Lang e con il M°M.Rudy, si perfeziona a Roma con Lya De Barberiis.

cIMG_7221

Vince il primo premio al X Concorso Pianistico Nazionale “Giulio Rospigliosi” di Pistoia e si classifica tra i primi posti in numerosi concorsi nazionali e internazionali, tra i quali, l’VIII Concorso Internazionale di Esecuzione Strumentale “Città di S.Bartolomeo al Mare”, l’VIII Concorso Internazionale Pianistico “Giovani Pianisti di Roma”,il VI Concorso Internazionale di Racconigi, l’11 Concorso pianistico nazionale “Città di Grosseto”il I Concorso Internazionale “Città di San Gemini”. Tiene concerti sia come solista che in diverse formazioni in numerosi teatri e sale concertistiche e ancora oggi svolge un’intensa attività concertistica.

Dopo essersi laureata in Storia della Musica presso l’Università “Sapienza” di Roma, collabora con la stessa università e con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia al progetto Musica Riscoperta sul repertorio strumentale inedito di fine Ottocento, esibendosi in Prima Assoluta presso il MUSA – Museo degli Strumenti Musicali, Auditorium-Parco della Musica.

cIMG_7158

Contemporaneamente all’attività artistica si appassiona e approfondisce lo studio e la pratica della body music partecipando a masterclasses con gli artisti più importanti del panorama internazionale, tra i quali Keith Terry, Jep Meléndez, Fernando Barba, Leela Petronio, Thano Daskalopoulos, Raul Cabrera, Evie Ladin, Brian S Dyer, KeKeCha.

Lo studio e l’approfondimento artistico della body music influenzano e contaminano la sua visione artistica, aprendo nuove prospettive al suo percorso artistico.

Alla ricerca di nuovi spunti e approcci interpretativi esplora il repertorio classico permeandolo di nuove contaminazioni, influenze tra strumento, danza, corpo e percussione, vantando collaborazioni con importanti artisti eterogenei del panorama internazionale.

Nel dicembre del 2016 debutta in Italia con i 4Rhythm, al fianco di Jep Meléndez (body percussionist) , Tupac Mantilla (percussionist & body performer) e Ruben Sanchez (tap dancer), in uno spettacolo in cui la musica si trasforma, si fonde, si sente e si vede, tra movimento, danza e strumento. 

Nello stesso anno Cinzia incontra il tap dancer Daniel Borak . Dalla loro immediata e reciproca ammirazione artistica scaturisce una nuova collaborazione di contaminazione tra pianoforte e tap dance.

La ricerca artistica di Cinzia è in continua evoluzione. Attualmente è impegnata nel suo nuovo progetto “Metamorphosys”.

cinziaIMG_7297

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Panel 2

Projects

L’esperienza artistica di Cinzia è molto ricca e in continua evoluzione.

La sua carriera prosegue alla scoperta di nuovi spunti e approcci interpretativi, esplorando il repertorio attraverso nuove connessioni e contaminazioni.
Una ricerca in continua evoluzione.

Lanificio 2Oltre al repertorio classico, il suo particolare interesse per la musica del novecento, per le esplorazioni armoniche di Ravel e Debussy e per le potenzialità ritmico-percussive di Bartok e Prokovieff, hanno determinato una continua ricerca artistica verso nuove esplorazioni musicali. Oggi il suo repertorio attraversa la storia del pianismo, da Bach fino agli albori della musica jazz con Gershwin e Piazzolla, interpretando programmi che contaminano diversi stili e compositori.

Metamorphosys

Metamorphosys _sito.001
Metamorphosys

Metamorphosys è il suo nuovo progetto artistico. La sua ricerca si apre ulteriormente e si muove attraverso nuovi spunti e approcci interpretativi del repertorio, esplorandolo e arricchendolo di nuove connessioni e contaminazioni artistiche e musicali.

In continua evoluzione, la contaminazione diventa così il linguaggio creativo fondamentale del progetto.

In Metamorphosys Cinzia vuole creare e contaminare di  nuove sonorità il mondo pianistico classico.

Oltre alla carriera solistica, coltiva da sempre moltissime collaborazioni in differenti formazioni che spaziano dal repertorio classico fino a contaminazioni con la body percussion, la tap dance e le percussioni.

Cinzia MerlinIl progetto Musica Riscoperta sul repertorio strumentale romano di fine Ottocento, curato dall’Accademia Santa Cecilia e dall’Università degli Studi di Roma “Sapienza” è l’inizio di una fervida collaborazione con musicisti e artisti di altissimo livello.

In questo progetto nasce un forte legame musicale con la violinista Carlotta Nobile, interrotto tristemente dalla prematura scomparsa di Carlotta all’età di 24 anni.

Con il violinista Paolo PiomboniProfessore d’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, invece, nasce una bellissima collaborazione e una forte stima artistica in occasione del Convegno Internazionale “Roma musicale nel periodo di Franz Liszt” organizzato dalla  Sapienza – Università di Roma e da Villa D’Este (Tivoli).

i
Duo Arcari – Merlin

Nell’ambito del medesimo progetto di Musica Riscoperta Cinzia incontra il soprano Cristiana Arcari. In quest’occasione si esibiscono al MUSA, il Museo degli Strumenti musicali dell’Accadema di Santa Cecilia di Roma e all’Istituto F.Liszt di Bologna.

Dalla loro preziosa sintonia musicale nasce una forte amicizia.  Questo legame ancora oggi le accompagna in un progetto artistico stabile, duraturo e in continua evoluzione che nasce dalla liederistica classica fino a raggiungere i primi albori delle armonie jazz.

La body music crea nuove influenze ed evoluzioni nella ricerca artistica di Cinzia.

L’incontro con Jep Meléndez, uno dei più importanti artisti del panorama internazionale della body percussion, è determinante. La loro collaborazione artistica inizia con il Movement & Rhythm Project, che mira ad una contaminazione musicale e visiva tra strumenti, corpo e danza.

Cinzia Merlin, pianoforte  Jep Meléndez, body percussion - Massimiliano Tisano, fisarmonica
Cinzia Merlin, pianoforte – Massimilano Tisano, fisarmonica – Jep Meléndez, body percussion
Dal Movement & Rhythm Project nascono i 4Rhythm.
4Rhythm
4Rhythm

Quattro artisti del panorama internazionale provenienti da percorsi artistici eterogenei. Cinzia Merlinpianista, Jep Meléndez, body percussionist, sand & tap dancer, Ruben Sanchez, tap dancer e Tupac Mantilla, percussionista e body performer.

Un progetto artistico ricercato e innovativo in cui musica, danza, movimento e body percussion si fondono, unico nel suo genere e nel panorama musicale contemporaneo. Oltre ad esserne parte come artista, Cinzia è produttrice del progetto.

Nel dicembre 2016 Cinzia incontra il tap dancer Daniel BorakDalla loro immediata e reciproca ammirazione artistica scaturisce una nuova collaborazione di contaminazione tra pianoforte e tap dance.

cinziaIMG_7062

 

Per informazioni sulle proposte artistiche, compila il form.

 

 

Panel 3

Learning & Teaching

La musica si impara vivendola. Si trasmette con l’interpretazione e l’insegnamento. 

Scuola di Pianoforte
Metodologia Orff-Schulwerk
Body Music
Team Building

Cinzia si occupa di didattica dello strumento e della musica da oltre 15 anni. Specializzatasi a Roma in metodologia Orff-Schulwerk, sviluppa e conduce progetti didattici musicali indirizzati a tutte le età, a tutti i livelli e a differenti realtà.

L’incontro con la body music e la formazione con i più importanti artisti del panorama internazionale, tra cui Keith Terry, Jep Meléndez, Fernando Barba, Leela Petronio, Thanos Daskalopoulos, Raul Cabrera, Evie Ladin, Brian S Dyer, KeKeCha, influenzano notevolmente il suo pensiero musicale e artistico.

3In particolar modo la stretta collaborazione a fianco di Jep Meléndez, uno degli artisti punta del panorama internazionale della body percussion, le aprono nuovi orizzonti artistico-creativi.

I sui interessi per l’arte figurativa, la danza e lo spettacolo influenzano la sua proposta didattica, sviluppando percorsi e laboratori formativi attenti anche all’aspetto artistico, espressivo e performativo. 

Negli ultimi anni inoltre ha sviluppato Musical Attitude, un suo personale progetto di formazione esperenziale indirizzato alle aziende. Attualmente fa parte dell’equipe di Hubert Jauoi in Gimca e collabora regolarmente con società di formazione, consulenza ed aziende,  svolgendo workshop esponenziali di body music per attività di formazione, coaching e teambuilding su tutto il territorio italiano.

Negli ultimi anni collabora regolarmente con Fabbrica di Lampadine a Milano.